Zio Vanja – Anton Čechov

Zio Vanja

Titolo:
Autore:
Editore: Einaudi
Data di pubblicazione: Edizione in nostro possesso 1 gennaio 1997
Prima assoluta: 26 ottobre 1899
Pagine: 75

Dove posso acquistarlo
In tutte le librerie e in tutti i principali bookstore online.

Trama

Vanja vive e lavora nella tenuta di suo cognato, il professor Serebrijakov, uomo anziano, indolente e inconcludente che, dopo la morte della moglie, nonché sorella del protagonista, sposa la giovanissima Elena Andreevna. Una notte, mentre il dolorante professore è alle prese con la podagra e con il dottor Astrov che tenta di visitarlo, Vanja dichiara il suo ad Elena. La donna, già triste per la sua fatta di speranze disattese e giovinezza rovinata, si rifiuta di ascoltarlo e abbandona la stanza. Anche il dottor Astrov è innamorato di Elena, e anche lui si dichiara alla donna, ricevendo, tuttavia, lo stesso trattamento riservato a Vanja. Nemmeno la situazione finanziaria della è idilliaca e il professore propone di vendere la proprietà. Il protagonista, deluso dalla proposta e furioso con il cognato, tenta di ucciderlo a colpi di pistola, ma fallisce miseramente il bersaglio. Nell’atto conclusivo il professore e la giovane moglie lasciano la tenuta con la promessa di non cedere la proprietà e Vanja che ritorna al suo triste lavoro e alla sua vita fatta di speranze ed illusioni.

Recensione

Zio Vanja è considerata tra le opere più importanti del drammaturgo russo. Odio, rancore, disprezzo, sentimenti repressi, caratterizzano i personaggi che si alternano sulla scena. L’insofferenza e l’apatia rispecchiano i colori fondamentali su cui Čechov ha dipinto e modellato la trama, mentre decadenza e rassegnazione rappresentano virtuose pennellate che mettono in evidenza la resa nei confronti di esistenze contornate di illusioni e false speranze. La fragilità umana è un tema sempre presente nelle opere dell’Autore e in questo testo è ancora più evidente, in quanto, contornata dal sacrificio e dall’annientamento del proprio io. Ancora; l’attesa, l’inutile attesa che riempie le giornate dei protagonisti, in un coacervo di contrasti e sconfitte personali, nell’attesa di una felicità che non arriverà mai. Opera sublime nella quale ritroviamo molti aspetti caratterizzanti la società contemporanea.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque × 2 =